Biscotto gelato al cardamomo e caffè

Profumati di cardamomo e cannella, questi irresistibili biscotti rimangono morbidi anche quando congelati, grazie alla presenza di miele e farina di mandorle nell’impasto

gelato caffe food and wine italia

Tempo di preparazione: 35 min

Tempo totale: 6 ore e 20 min

Dosi per: 10 persone

 150 g di farina 00

1 cucchiaino e 1/2 di bicarbonato di sodio

1 cucchiaino e 1⁄2 di cardamomo in polvere

1/4 di cucchiaino di cannella

1/2 cucchiaino di sale

20 g di farina di mandorle

120 g di burro ammorbidito a temperatura ambiente

170 g di zucchero semolato

30 g di miele

1 uovo

800 g di gelato al caffè, o gusto a scelta

Setacciate insieme farina, bicarbonato, cardamomo e cannella. Aggiungete sale e farina di mandorle; mettete da parte.

Unite burro, zucchero e miele nella ciotola di una planetaria munita di frusta piatta e lavorate a velocità media per 2 minuti. Aggiungete uovo e lavorate ancora per 2 minuti. Abbassate la velocità al minimo e aggiungete il composto di farina. Quando l’impasto sarà ben amalgamato, togliete la ciotola dalla planetaria, coprite con pellicola alimentare e mettete in frigorifero per almeno 4 ore o per tutta la notte.

Preriscaldate il forno a 180°C. Formate circa 20 palline d’impasto del diametro di 2 cm. Sistematele, ben distanti l’una dall’altra, su una teglia foderata di carta forno. Cuocete i biscotti in più infornate finché non saranno croccanti sui bordi ma ancora morbidi al centro, da 10 a 13 minuti. Sfornate, lasciate raffreddare completamente sulle teglie, per circa 30 minuti.

Quando i biscotti saranno raffreddati completamente, disponete circa 80 g di gelato sopra un biscotto rovesciato e chiudete con un altro biscotto, esercitando una leggera pressione con le mani. Avvolgete il biscotto gelato in pellicola alimentare e ponetelo subito nel freezer. Ripetete la procedura con i biscotti e il gelato rimanenti, avvolgendo individualmente ciascun biscotto gelato con la pellicola alimentare. Lasciateli riposare nel freezer per un’ora prima di servirli.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin