Retropasta

Il nuovo laboratorio permanente di pasta fresca firmato Retrobottega

Nella capitale, i due chef Giuseppe Lo Iudice e Alessandro Miocchi danno vita a Retropasta, il laboratorio permanente di pasta fresca, spin-off del famoso ristorante Retrobottega. Tutti i giorni, 7 giorni su 7, Retropasta propone un’interessante gamma di pasta fresca fatta a mano – con uova e farine rigorosamente biologiche.

Non c’è un listino prezzi, ma un vero e proprio menu: il primo prevede tortellini di cappone (della tradizione natalizia), tortellini ripieni di Parmigiano Reggiano 30 mesi, agnolotti del plin farciti di coda di bue brasata, ravioli con baccalà mantecato, e tortelli ripieni di zucca e Caciocavallo abruzzese. Anche fra le paste fresche non ripiene si scorgono innovazioni divertenti, come il grano arso nelle orecchiette (che diventano nere) e un pizzico di Parmigiano nei soffici gnocchi di patate rosse biologiche dei Colli bolognesi.

In qualsiasi momento della giornata è possibile assistere alla lavorazione della pasta, e sugli scaffali del negozio (uno spazio di design all’altezza del ristorante Retrobottega, realizzato in collaborazione con lo studio MORQ) figurano non solo le creazioni del laboratorio, ma anche le selezioni più interessanti fra farine biologiche molite a pietra, paste secche a lenta essicazione, olii extra vergine di oliva, passate di pomodori, pomodori pelati, sughi, pesti, sali, capperi e tartufi. 

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

GUARDA ANCHE:

Questa pasta è molto versatile: si adatta tanto alla preparazione dei ravioli quanto a quella della carta musica
 
Il cocktail di Matteo Zed si ispira alla dama francese che fa innamorare il Marchese del Grillo nel film di Monicelli