Pranzi stellati a Casa Lerario

Ripartono gli appuntamenti con grandi chef e i vini di Villa Matilde Avallone ospitati dalla bella farmhouse del Sannio beneventano. Si comincia l'11 gennaio con Maicol Izzo.

Casa Lerario

Un casale immerso nel verde della campagna sannita arredato con grande gusto per ospitare tre confortevoli appartamenti e una cucina basata su ricette tipiche e prodotti locali, se non dell’orto di proprietà: questa è Casa Lerario, l’agriturismo della famiglia Lerario poco distante dal centro di Melizzano, paese del Beneventano ai piedi del Taburno. Una piccola oasi di natura e relax che, di tanto in tanto, apre le proprie porte alla cucina d’autore ospitando chef di locali stellati di tutta Italia che per l’occasione portano i propri piatti o sperimentano con gli ingredienti del territorio.

Il ciclo di appuntamenti riparte sabato 11 gennaio con un giovane chef campano che è tornato nel locale di famiglia dopo esperienze importanti in Italia e all’estero: Maicol Izzo, da febbraio 2019 chef del ristorante Piazzetta Milù di Castellammare di Stabia – 1 stella Michelin dal 2107 – che a soli 26 anni ha un curriculum di tutto rispetto avendo lavorato al fianco di chef come Gennaro Esposito, Alain Ducasse, David Muñoz, Albert Adria e Mauro Colagreco.

Ad accompagnare i piatti dello chef stabiese – dal divertente e goloso signature Pane e ragù fino alla Patata peruviana fritta con miele speziatosaranno i vini dell’azienda casertana Villa Matilde Avallone, partner dell’intero ciclo di pranzi d’autore.

Già annunciati gli appuntamenti a seguire: l’8 febbraio sarà ospite della famiglia Lerario lo chef Domenico Candela del George Restaurant del Grand Hotel Parker’s di Napoli (1 stella Michelin), il 7 marzo Angelo Carannante del Caracol di Bacoli (1 stella Michelin) e il 4 aprile Alfio Ghezzi che, dopo 9 anni alla Locanda Margon di Ravina (Tn), il locale della famiglia Lunelli dove aveva conquistato 2 stelle Michelin, dallo scorso autunno è alla guida di due nuovi locali all’interno del Mart di Rovereto.    

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin