Primi della classe

Gli Champagne Tête de Cuvée sono le migliori bollicine al mondo - il regalo perfetto per qualcuno molto speciale

champagne

Quasi tutte le maison di Champagne producono quella che viene chiamata prestige cuvée o, in maniera più evocativa, tête de cuvée – la “testa della cuvée”. Alcuni di questi sono ampiamente conosciuti, altri sono principalmente appannaggio di intenditori, ma tutti rappresentano il meglio che la casa ha da offrire. Attingono tipicamente al frutto dei vigneti Grand Cru e spesso (ma non sempre) sono d’annata. Aspettatevi una splendida aromaticità, sapori persistenti e un’incredibile complessità. Queste bollicine sono ottime in una flûte o in una coupe, ma potete anche servirle in un classico bicchiere da vino bianco – potrà solo valorizzare le loro straordinarie caratteristiche.

Ecco i migliori champagne con cui brindare:

Billecart-Salmon Cuvée Nicolas François Brut 2006 A conduzione familiare, Billecart-Salmon è conosciuta specialmente per il suo eccellente Rosé Brut non d’annata, ma i loro vini d’alta gamma sono ancora più interessanti. Le note di pesca e agrumi di questa Cuvée — un blend 60% Pinot Nero e 40% Chardonnay — si accompagnano a una bella profondità e a un perfetto equilibrio. 

Lanson Extra Age Brut Insolito per una Prestige Cuvée, Lanson Extra Age mette insieme tre annate d’eccezione; in questo caso, 2000, 2002 e 2004. I vini più vecchi aggiungono note di terra e caramello al naso e corposità al palato; quelli più giovani mantengono i sapori freschi e brillanti, in linea con lo stile tipicamente elegante della casa. 

Dom Ruinart Blanc de Blancs Brut 2007 Quando si parla di Champagne a base di Chardonnay, quelli di Ruinart, Maison fondata nel 1729, sono indiscutibilmente tra i migliori sul mercato. Caso esemplare: l’ultimo Dom Ruinart 2007. È elegante e sfaccettato, con delicate note agrumate e un bouquet floreale, tipico di questa Cuvée. 

Taittinger Comtes De Champagne Blanc de Blancs Brut 2006 Un’eccezione fra le eccezioni, il Comtes de Champagne Blanc de Blancs 2006 ha quel genere di equilibrio perfetto che fa venir voglia di sedersi comodi sospirando un “wow”. Per intenderci: cremosità, brillante acidità, leggere note di pera e fiori d’agrumi, e un finale lungo e tostato. 

Charles Heidsieck Blanc de Millénaires 2004 I fan di Heidsieck l’hanno attesa a lungo: è la prima annata di questa sublime cuvée che esce dopo quella del 1995 (ancora splendida). L’annata 2004 unisce abbondanza e qualità eccellente in vigna, come appare evidente da questo vino aromatico ed espansivo, ricco di note di pasticceria al limone e di spezie in polvere. 

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin