World Pasta Day 2019, il futuro della pasta

Dal 18 al 25 ottobre, Al Dente racconta i sei trend della pasta del futuro

Al dente world pasta day

In occasione del World Pasta Day che si celebrerà in tutto in mondo il 25 ottobre, la prima edizione del progetto Al Dente propone diverse iniziative che coinvolgono produttori, ristoranti e i migliori chef nazionali e internazionali.

Come sarà la pasta tra 30 anni? Questa è la domanda su cui si concentra l’intera manifestazione, e alla quale pastai, sociologi, esperti di consumi e sostenibilità hanno risposto provando a immaginare le tendenze future. Il gruppo di ricerca, radunato dall’Unione Italiana Food e dall’International Pasta Organization, è guidato e coordinato da Carlo Alberto Pratesi, docente di Marketing Innovazione e Sostenibilità presso l’Università Roma Tre, che si fa portavoce delle sei principali tendenze che caratterizzeranno la pasta nei prossimi 30 anni.

Partecipano attivamente come protagonisti, conoscitori, imprenditori ed amanti della pasta anche Paolo Barilla e Riccardo Felicetti, promotori del made in Italy all’estero, dove la pasta è apprezzata e rivisitata secondo le diverse culture. Mangio Classico, Etico, Globale, Diverso, Semplice e Consapevole: dal 18 al 25 ottobre sarà possibile assaggiare la pasta da ogni punto di vista, consultando chef e ristoranti aderenti alla manifestazione sul sito online aldente.worldpastaday.org.

Un appuntamento all’insegna della condivisione, anche digitale, grazie agli hashtag #worldpastaday e #pasta2050: infatti, nella giornata mondiale della pasta, le celebrazioni culmineranno con una “spaghettata virtuale” sui principali canali social, che coinvolgerà tutti gli amanti della pasta in qualsiasi parte del mondo si trovino. Dai concetti di convivialità, sostenibilità, consapevolezza fino a quello di contaminazione: anche quest’anno, la pasta in tutte le sue forme e in tutta la sua bontà.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin