Aceto di pesche e vino rosé

L’aromatica erba Luigia e un delicato vino rosato aromatizzato alle pesche, danno origine a questo versatile aceto: un ingrediente ideale per i cocktail.

orto aceti

Tempo di preparazione: 15 minuti

Tempo totale: 15 minuti, più tre o quattro mesi per la fermentazione

Dosi per: 820 ml

  • 3 tazze (700 ml) di vino rosato

  • 1 tazza di aceto di mele non pastorizzato e non filtrato

  • 1 tazza di foglie di erba Luigia fresche

  • 1 tazza di pesche fresche, non sbucciate, tritate e schiacciate

Unite vino, aceto, erba Luigia e pesche in un barattolo di vetro da 1 litro, lasciando almeno 2 cm di spazio dal bordo superiore. Mettete 4 strati di garza alimentare (o un panno da cucina pulito) sopra il barattolo e fissateli con lo spago da cucina o un elastico.

Conservate il barattolo in un luogo fresco, buio e asciutto, mescolando 1 volta a settimana, fino a quando non si forma la “madre”, fino a 4 settimane. Lasciate riposare, senza disturbarlo, fino a quando il vino non si sarà acetificato, da 3 a 4 mesi.

Posizionate un colino a rete fine su una ciotola di grandi dimensioni; foderate con un doppio strato di garza alimentare. Versate con cura il composto di aceto nel colino, mescolando senza premere sui solidi, fino a filtrare tutto il liquido. Scartate i residui solidi. Versate l’aceto in una bottiglia con chiusura ermetica; conservatelo in frigorifero.

DA FARE IN ANTICIPO
Potete conservare l’aceto di pesche e vino rosé nel frigorifero fino a 6 mesi.

 

foto Greg DuPree

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin