Cambia la tua Pasqua con un click

Zona rossa? Nessun problema: Easter box, colombe, pastiere e uova di cioccolato arrivano direttamente a casa grazie al delivery.

pastiera iannotti

Anche quest’anno sarà – forzatamente – una “Pasqua con i tuoi”, o meglio “come puoi”, decisamente diversa dal solito. Ma non per questo bisogna rinunciare al gusto della buona tavola. Anzi, proprio in momenti come questi è giusto concedersi una coccola in più assieme a pochi familiari e amici più stretti. Sono tante le proposte in arrivo da tutta Italia, da ordinare con un click.

Box e menu firmati dagli chef

Protagoniste della Pasqua 2021 sono le Easter box: scatole gourmet che contengono menù completi firmati da grandi chef e artigiani, da gustare comodamente nelle proprie case. A Roma, Anthony Genovese – del ristorante due stelle Michelin Il Pagliaccio – propone la sua home experience box per due persone che garantisce un’esperienza gourmet domestica. Gli ingredienti iconici della tradizione romana sono presentati in veste originale (come il Flan di pecorino, insalata di fave e corallina) o contaminati da ingredienti insoliti (come la Tartelletta di asparagi, pomelo e senape in grani). Per brindare con stile, ogni box sarà accompagnata da una bottiglia di Barolo Cerequio Damilano 2014.
A Roma e a Milano arriva anche Santa – la Pa5qua romana, il pranzo pasquale (disponibile per asporto o delivery) realizzato da cinque realtà capitoline: Salumeria Roscioli, Retrobottega, Marzapane, Zia Restaurant e Rimessa Roscioli. Un menù corale dall’antipasto al dolce, più il pane, un abbinamento vino e una sorpresa nascosta. Le portate rappresentano fortemente la tradizione romana, con il giusto grado di originalità e rivisitazione: ad esempio, il classico agnello al forno con le patate si trasforma nell’Agnello cotto al coccio sulla brace con limone verde, yogurt e cardamomo di Marzapane.

A Milano gli chef di Langosteria hanno creato un menu ad hoc a base di pesce, dalla tagliata di orata con capperi croccanti e limone di Amalfi alle orecchiette con scampi, carciofi e datterino confit al basilico per finire con la pastiera napoletana, da accompagnare volendo con i vini e distillati di pregio della cantina del ristorante.
Anche lo chef Andrea Berton, al pluristellato Ristorante Berton, propone una degustazione creata per la Pasqua. Il menù inizia con qualche boccone di aperitivo come l’Oliva di carne e quella all’acciuga, per poi proseguire con le portate, tra divertenti variazioni come i Ravioli di patate con ricotta e spinaci arrostiti e zuppa di pesce, e dichiarati omaggi alla tradizione, come il Capretto al forno con le patate. Disponibile da asporto e con consegna a domicilio solo in città.
Per gli amanti delle contaminazioni, sempre a Milano, lo chef Wicky Priyan propone un menù nato dall’unione tra alcuni dei suoi piatti signature e creazioni pasquali. Accanto ai suoi famosi carpacci, il vero protagonista è il Kakuni di agnello, cotto per 16 ore secondo la tecnica tradizionale giapponese del Ryoutei Kaneki e accompagnato da verdure di stagione.

A Godia (Udine) al ristorante Agli Amici di Michela ed Emanuele Scarello (2 stelle Michelin) il menù d’asporto per la Pasqua 2021 riassume in forme e colori la primavera: si inizia con il Pink slip, cocktail a base di gin e fragole, che accompagna sfiziosi snack come  la Spugna d’erba con cipolla caramellata agrodolce, per proseguire con le portate vere e proprie. E ci sono anche le Colombe di Pasqua in edizione limitata. Ad arricchire l’impasto tradizionale, un tocco di crema pasticcera che rende il dolce morbidissimo e profumato. Anche queste sono disponibili, fino a esaurimento, solo per l’asporto.

Colombe e Pastiere, dolci tentazioni

Parlando di colombe, pochi dolci hanno una valenza simbolica così grande. Quella buonissima di Francesco Arnesano da Lievito Pizza, Pane – realizzata in versione classica, ai tre cioccolati o special, con fragole, bergamotto, cioccolato bianco Ivoire 32% – parte dal laboratorio di Roma e plana in tutta Italia, e anche oltre, nella divertente confezione che ricorda un biglietto aereo della “Lievito Airlines”: una bella consolazione per i viaggi che non possiamo fare.
C’è poi chi aspetta Pasqua solo per poter gustare il dolce d’eccellenza partenopeo, la pastiera. Lo chef Giuseppe Iannotti, 1 stella Michelin al Kresios di Telese Terme, ha deciso di realizzarla utilizzando la ricotta di bufala campana DOP (invece della classica vaccina o di pecora) e senza canditi, profumandola “solamente” con succo di agrumi locali e acqua di fiori d’arancio amaro (Presidio Slow Food). Il dolce potrà raggiungere tutta Italia grazie a 8pus, il progetto di delivery attivo sul territorio nazionale.
Non ha bisogno di presentazioni Antonino Cannavacciuolo, che quest’anno ha deciso di proporre un’offerta completa sul proprio sito, in grado di accontentare veramente tutti. Immancabili la Colomba (nelle versioni classica, cioccolato e arancia, al limoncello) e la Pastiera in vasocottura, ma ci sono anche le diverse versioni della Torta Caprese e del Babà in vaso, il grembiule da cuoco e le Esperienze firmate dallo chef da regalare tramite gift card.
A Palazzo di Varignana, resort e azienda agricola sui colli bolognesi, il pluripremiato olio extravergine d’oliva Stiffonte è protagonista anche a Pasqua nell’impasto della Colomba, rendendo il dolce ancora più soffice e nutrizionalmente interessante. Le colombe sono acquistabili online accanto alle box in cui l’extravergine è affiancato dagli ovetti di cioccolato Valrhona e dalla crema spalmabile a base di nocciole del Piemonte Igp, cacao e olio extravergine di oliva.

Casatiello e Pizze di Pasqua, nel segno dell’olio

Rimanendo in tema olio, lo chef umbro Lorenzo Cantoni rivisita la classica “torta” pasquale al formaggio con prodotti di prima qualità a cominciare dall’extravergine – quello eccellente del frantoio Decimi – al posto dei grassi animali. Molto interessante dal punto di vista edonistico ma anche rispetto ai valori nutrizionali, sul sito italiaexcellent il lievitato salato è proposto in accompagnamento al salame corallina (fatto a Norcia, da maiale brado) e da un vino di Montefalco.
Simbolo (salato) della tradizione partenopea, ma ormai amato in tutta Italia, è il casatiello: torta rustica “di recupero” buonissima ma non certo leggera. La pasticceria Dolcemascolo – a Frosinone – ha voluto giocare su quest’ultimo aspetto modificando la ricetta originale e sostituendo lo strutto con olio extra vergine d’oliva. La farcitura è composta dai prodotti tipici delle campagne circostanti: corallina di Amaseno, Pecorino di Picinisco Dop, mortadella di Arpino ed le uova di una piccola azienda agricola locale. Il Casatiello, acquistabile sullo shop online della pasticceria, ha  un packaging 100% riciclabile.
Arriva dalle Marche, invece, la Pizza di formaggio di Paolo Brunelli, gelatiere e dolciere poliedrico, che accanto a questa torta salata propone anche quattro tipologie di “cake da viaggio” dolci, profumate di cioccolato, agrumi e pistacchi e accompagnate da tubetti di crema spalmabile. La torta marchigiana – sempre all’olio extravergine – è arricchita da Pecorino dei Monti Sibillini, Pecorino Romano e Parmigiano Reggiano. Secondo tradizione si abbina con il ciauscolo marchigiano e con le fave ma Brunelli la propone anche con un gelato allo zabaglione o al gianduia.

Uova di cioccolato, idee originali

Alle uova di Pasqua – le più belle e buone – abbiamo dedicato un articolo sul nostro magazine cartaceo. Ma vediamo qualche altra proposta che merita attenzione: l’Organizzazione umanitaria Intersos (composta da medici e psicologi che assistono i senza fissa dimora) lancia l’uovo sospeso. Oltre alle consuete uova solidali – il cui ricavato è destinato a progetti di assistenza sociosanitaria – è possibile donare 12 euro per un uovo di cioccolato “sospeso” che verrà consegnato alle famiglie romane e all’interno dei kit casa che lo staff della Ong sta distribuendo agli assistiti. Mentre a Milano l’Associazione CasAmica onlus, che da oltre 30 anni accoglie  i malati che con i loro familiari sono costretti ad attraversare l’Italia per sottoporsi a cure mediche, propone una selezione di prodotti food solidali tra cui le uova di cioccolato ma anche Colombe e colombine a marchio Giovanni Cova & Co.Rimanendo a Roma, la pasticceria Casa Manfredi non si è fatta trovare impreparata e alle nuove restrizioni risponde con idee divertenti e originali, come quella dell’uovo di cioccolato aromatizzato al gin Seven Hills. La sorpresa? Una bottiglietta di gin, per rimanere allegri nell’ennesima festività in zona rossa.
A Torino, dalla collaborazione tra lo chef Matteo Baronetto e il pasticcere Guido Gobino nasce L’uovo Im-perfetto, disponibile in edizione limitata (100 pezzi) presso Farmacia Del Cambio o acquistabile online. Bianco candido, simbolo di purezza e innocenza, nasconde un’anima interna di cioccolato al 75% di tre origini diverse, mentre la superficie è solcata da piccole “fratture” che creano l’impressione che l’uovo stia per schiudersi.
Infine, lo chef Marco Visciola de Il Marin (a Genova), prendendo ispirazione dal mare e dal porto antico del capoluogo ligure, propone una limited edition di soli 40 esemplari con forme originali: dal polpo di cioccolato fondente alla vela che riprende le vele del Porto Antico progettate da Renzo Piano, sono in vendita da Eataly Genova o ordinabili online.


Foto: la pastiera di Giuseppe Iannotti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin