Giano W Rome

Gli eventi enogastronomici di dicembre

Nuovi appuntamenti di stagione, primi tagli di panettone, ricorrenze da “santificare” a tavola, anniversari e menu speciali.

L’abbassamento delle temperature non solo è stato un chiaro segnale dell’arrivo dell’inverno (ancora un mese per il solstizio) ma di quanto manchi sempre meno a uno dei periodi più attesi dell’anno: il Natale. Se a scandire il conto alla rovescia ci pensano il calendario dell’Avvento (ecco i nostri preferiti) e i carboidrati vestiti a festa con canditi e uvetta (a breve arriva la nostra selezione di Panettoni&Co.) sono tanti gli appuntamenti che questo mese ci traghettano con gusto verso le prossime feste.

Questo mese da Proloco Trastevere ogni domenica sarà Natale con il pranzo contadino che imbandisce la tavola trasteverina con piatti della tradizione natalizia italiana a base di materie prime rigorosamente di provenienza laziale: dai vincisgrassi marchigiani realizzati con la sfoglia di Pastificio Mauro Secondi e polpa di manzo brado selezione DOL (Di Origine Laziale) ai fegatini di pollo Occhiodoro, vino rosso azienda agricola Casale Certosa (Roma), burro azienda Alveti (provincia di Latina) e pomodoro bio selezione DOL (Di Origine Laziale). Una dichiarazione d’amore per la Sicilia è invece il menu di Ciccio Sultano al ristorante Giano del W Rome che il 15 dicembre torna con Lido Sultano Vol. II: dopo l’appuntamento dello scorso novembre, il cuoco “citrico”, come lo stellato ama definirsi, affiancato dall’executive chef Nicola Zamperetti, allieterà gli ospiti con portate dedicate alla sua isola, dall’arancino alla scaccia ragusana, dallo sfincione palermitano al pane e panelle. Gran finale con i dolcissimi “falsi d’autore” che portano la firma di Fabrizio Fiorani (una garanzia, neanche a dirlo). Per chi arrivasse in tempo per l’orario dell’aperitivo è d’obbligo un pitstop al bancone di Emanuele Broccatelli con una drink list in forma smagliante ispirata ispirati al concetto di “Perpetual Nature” tra erbe, foglie, fiori e frutti. Ancora top secret il contenuto dell’aperitivo e del brunch nel calendario 2023 rispettivamente il 14 febbraio e il 21 marzo.

In tema dolciario, il maritozzo è una specialità romana che ha conquistato un posto d’onore anche a latitudini differenti (basti pensare che a Tokyo è diventato un must!), tanto da essere festeggiato in un preciso giorno dell’anno. Si chiama Maritozzo Day il format che celebra questa soffice brioche ricolma di panna e da sei anni cade ogni primo sabato di dicembre. Quindi, non resta che svegliarci la mattina del 3 dicembre e tenere l’occhio l’hashtag #maritozzoday2022 per individuare dove addentare la propria colazione ideale (non solo in versione dolce).

Sempre nel primo weekend del mese (3-4 dicembre) saranno ben due gli eventi dedicati al mondo enoico. Se a Torino negli spazi di OGR – Officine Grandi Riparazioni torna Naturalmente Vino, salone dedicato al mondo del naturale alla presenza di oltre 50 produttori provenienti dal Piemonte e da tutta Italia, Firenze risponde negli stessi giorni con Saranno Famosi nel vino all’interno della Stazione Leopolda. Patrocinato da Comune di Firenze, Camera di Commercio di Firenze e Confcommercio Toscana, si tratta del primo talent che mette insieme i migliori vini italiani creati nelle ultime cinque vendemmie e le migliori cantine sorte negli ultimi dieci anni nel segno dell’eccellenza qualitativa, dell’uso di processi innovativi o sperimentali e della valorizzazione di distretti enologici poco conosciuti.

Per chi è ancora in cerca della classifica ideale in tema di grandi lievitati, domenica 4 dicembre torna la quarta edizione di Panettone Maximo durante la quale potrete fare un ripasso dei migliori lievitati delle feste sfornati quest’anno nella Capitale e dintorni. A giocare in casa saranno: Caffè Delizie di Sicilia, Con.Tro Contemporary Bistrot, Cristalli di Zucchero, Le dolcezze di Giano, Max Pasticceria, Panificio Nazzareno, Pasticceria D’Antoni, Pasticceria delle Rose, Spiga d’oro bakery e Vizio.
Dalla provincia di Roma Arte del dolce (Velletri), Arte e cioccolato (Campagnano), Bonfì (Santa Severa), Pasticceria Panzini (Subiaco), Pasticceria Patrizi (Fiumicino), Zest (Ardea). Otto i nomi provenienti dallae altre province laziali: Belsito (Serrone, FR), Cakao (Cisterna, LT), Casa del dolce (San Felice Circeo, LT), Cocco Sweet Lab (Rieti), Luna Pasticceria (Rieti), Maciste Pasticceria (Cori, LT), Solo da Manduca (Aprilia, LT), Un Sacco Goloso (Pontinia, LT). Durante il Christmas market, condito da degustazioni e show cooking, presso “La Serra” del Palazzo delle Esposizione verrà anche eletto “il miglior panettone di Roma” per le categorie tradizionale e al cioccolato.

Aperta al pubblico anche la due giorni di Artisti del Panettone che a Milano, il 3 e il 4 dicembre, farà una nuova tappa con dodici maestri lievitisti che presenteranno il loro pezzo forte di quest’anno: Luigi Biasetto, Andrea Besuschio, Lucca Cantarin, Sal De Riso, Santi Palazzolo, Giuseppe Pepe, Mattia Premoli, Roberto Rinaldini, Paolo Sacchetti, Vincenzo Santoro, Andrea Tortora, Vincenzo Tiri, Carmen Vecchione, Andrea Zino e il collettivo Infermentum. Oltre a talk, esibizioni live e masterclass quest’anno c’è una novità: verrà assegnato il premio al miglior panettone artigianale realizzato da un pasticcere under 35.
È sospeso, invece, il panettone promosso dall’omonima associazione no-profit che fino al 19 dicembre sostiene l’iniziativa milanese – giunta al quarto anno – che promuove l’acquisto di un panettone da lasciar “già pagato” in attesa di venga recapitato a chi è meno fortunato. Quattordici le insegne coinvolte: Alvin’s (via Melchiorre Gioia 141); Baunilla (piazza Alvar Aalto, corso Garibaldi 55, via Broletto 55, Corso Italia, 11); Cake l’Hub – I Dolci del Paradiso (via Luigi Mengoni 3); Davide Longoni (via Gerolamo Tiraboschi 19, via Fratelli Bronzetti 2, via Tertulliano 68, Mercato del Suffragio – piazza Santa Maria del Suffragio, Mercato Centrale, Contrada Govinda via Valpetrosa 5); Gelsomina (via Carlo Tenca 5 e via Fiamma 2); Giacomo Pasticceria (via Pasquale Sottocorno 5); Marlà (corso Lodi 15); Martesana (via Card. G. Cagliero 14 e via Paolo Sarpi 62); Massimo 1970 (via Giuseppe Ripamonti 5); Panettone Cracco Pasticceria (Galleria Vittorio Emanuele II); Polenghi Angelo (Via Alfonso Lamarmora, 31); San Gregorio (via San Gregorio 1); Ungaro (via Ronchi 39); Vergani (corso di Porta Romana 51 e via Mercadante 17). E Per ogni panettone lasciato “in sospeso”, i locali ne aggiungeranno un altro, raddoppiando così la donazione effettiva.

Di altra pasta sono le cene a 4 mani in programma da da Fermenta, pizzeria gourmet in Abruzzo (ne abbiamo parlato qui). Il 5 dicembre sarà il secondo turno di Pizza Battle, il ciclo di appuntamenti che mette al centro la pizza d’autore. Dopo la serata con Diego Vitagliano, il pizzaiolo di casa Luca Cornacchia “sfida” Alessio Muscas di Sbanco a Roma, per una degustazione incrociata all’ultimo spicchio.

In occasione del ponte dell’Immacolata La notte degli alambicchi accesi illumina le stradine del borgo di Santa Massenza di Vallelaghi, anche noto come “capitale della grappa artigianale italiana” per via dell’alta concentrazione di distillerie a conduzione familiare. L’evento s’inserisce nella rassegna dedicata al “Sapore Locale” del Garda Trentino. Da giovedì 8 a domenica 11 dicembre sono previste sette performance nelle cinque distillerie del paese: Distilleria Casimiro, Distilleria Francesco, Distilleria Giovanni Poli, Distilleria Giulio & Mauro e Maxentia. A ogni tappa, anche una piccola degustazione con varie versioni del distillato – tra cui la grappa di Nosiola, vitigno rappresentativo della Valle dei Laghi e unica varietà a bacca bianca autoctona della provincia – in abbinamento a dolci e specialità del territorio.

“Musica da bere” e “Vino da ascoltare” è il credo di Paolo Scarpellini, professione sound sommelier, che – studiando il miglior abbinamento tra una bottiglia e una composizione musicale –, mercoledì 14 dicembre alle ore 17 presso il Circolo Filologico Milanese andrà in scena con il pianista, violoncellista e compositore Piero Salvadori, il quale guiderà il concerto-degustazione organizzato da Coravin, l’azienda americana leader nella tecnologia per la conservazione del vino. Partner dell’appuntamento anche da Torre Rosazza, cantina friulana sui Colli Orientali, che ha già “duettato” con l’eclettico artista durante la “Rigenerazione Umana” promossa nell’ultima edizione di Genesis: a fare da eco solo le montagne e i calici pieni.

La mattina seguente, sempre a Milano, il pubblico potrà prendere parte a un brindisi propiziatorio al 2023 tra un calice di bollicine e una fetta di panettone M.IO. dello chef veneto Daniel Canzian (ne abbiamo parlato qui) ad accompagnare la lettura dei tarocchi durante la speciale colazione natalizia in cui si interrogheranno gli astri durante l’evento “Bubbles & Tarots For Breakfast” organizzato da Montelvini, l’azienda vinicola veneta ambasciatrice del territorio, nel cuore della DOCG Asolo Montello.

Da venerdì 16 a domenica 18 dicembre l’alta miscelazione sale in quota con Cortina Cocktail Weekend, la prima cocktail week sulla neve in Europa, ideata e diretta da Paola Mencarelli, con il Patrocinio del Comune di Cortina e in collaborazione con Cortina Marketing. Dai bar negli hotel ai cocktail bar, fino ai rifugi, questa tre giorni tra ciaspolate e motoslitte è stata pensata per dare risalto alla qualità della mixology sulle Dolomiti e diffondere la cultura del bere consapevole e responsabile.
Dicembre è anche un mese di anniversari: a Milano Rita&Cocktail compie 20 anni. Esattamente il 12 dicembre 2002 nasceva questo american bar sui Navigli che nel corso del tempo ha ampliato la famiglia con lo spin-off di Rita’s Tiki Room (nel 2021 Andrea Arcaini è stato premiato come Best Bartender Under 35 ai nostri Food&Wine Italia Awards). Per tutto il mese Rita propone una speciale drink list che percorre il ventennale: si va dal mitico Gin Zen creato da Edoardo nel 1998, a base di ghiaccio tritato, gin, zenzero fresco pestato, lime e soda al Sou Ellen, preparato con liquore al chinotto, vermouth, bitter e London dry Gin.

Tornando nel Lazio, la bufala per il terzo anno torna a essere la protagonista dell’evento Lady Bu che sabato 17 e domenica 18 dicembre andrà in scena a Pontinia, in provincia di Latina. Non solo la classica mozzarella (c’è anche il mozzarella bar!) o i formaggi: totem dell’Agro-Pontino, la bufala diventa protagonista dalla testa alla coda con tortellini, gran bollito, kebab e scarpetta al ragu. Le due serate sono all’insegna dello street food tra stand gastronomici e mercatini di Natale per brindare a KM zero con aziende vinicole e brassicole della zona.

Al Mercato Centrale Roma tutto il mese di dicembre sarà all’insegna dei festeggiamenti. Dal workshop per abbinare al meglio l’olio EVO (fidatevi, sta bene pure sul panettone) alla masterclass su come chiudere le empanadas a regola d’arte, ma anche Neurospritz per conoscere come funziona il nostro cervello durante un aperitivo insieme al gruppo di ricercatori delle neuroscienze e un incontro per preparare al meglio la tavola della Vigilia, con tanto di tartare di baccalà e calice di vino in abbinamento.

Maggiori informazioni

Condividi

Facebook
Twitter
LinkedIn
Articoli
correlati