Tortas ai calamari croccanti

Tempo totale: 45 min

Dosi per: 5 persone

130g di farina 00 

1 pizzico di sale, a piacere 

2 uova 

100g di Panko (pangrattato giapponese) 

250 g di anelli di calamari (oppure gamberetti crudi e sgusciati) 

Olio di semi per friggere

2 avocado maturi

1 cetriolo

5 panini telera, o francesini 

Salsa aioli al limone e serrano 

100 g di chicharrones (o ciccioli) 

5 foglie di lattuga (cappuccina o manigotto) 

Salsa ponzu al lime 

Mescolate farina e un pizzico di sale in una ciotola di medie dimensioni. Rompete le uova in un’altra ciotola e sbattetele leggermente con una forchetta. Versate il pangrattato giapponese in una terza ciotola. Un poco alla volta, passate gli anelli nella farina poi nell’uovo sbattuto e infine nel pangrattato; scuoteteli per eliminare la farina in eccesso. 

Versate l’olio in una casseruola ampia fino a una profondità di 5 cm. Scaldatelo su fuoco medio-alto e, quando avrà raggiunto la temperatura di 175°C, immergete pochi anelli per volta. Friggeteli finché non siano dorati e croccanti, per circa 3 minuti. Utilizzando una schiumarola scolateli dall’olio e trasferiteli su un vassoio foderato di carta da cucina. Salate a piacere. 

Pelate e affettate l’avocado e il cetriolo. Tagliate a metà un panino e spalmatene l’interno con l’aioli al limone e serrano. Farcite con fette di avocado, chicharrones, lattuga, fette di cetriolo e calamari fritti. Irrorate con la salsa ponzu al lime. Chiudete i panini e servite. 

 

Consigliato l’utilizzo dei telera tostati, il classico pane morbido usato per le tortas (sandwich messicani), con i calamari croccanti, i chicharrones (cotiche di maiale fritte) e l’avocado. Procuratevi questi panini e i chicharrones in un negozio di specialità messicane. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
La Valle de Guadalupe in Baja California, Messico, fa da sfondo a una scena enogastronomia in continuo fermento