Scopri il nostro nuovo numero in edicola!

Dolci delle feste, bollicine per i brindisi, il tacchino perfetto e le più belle storie di cucina di montagna, a cominciare dal neostellato Sanbrite di Cortina d’Ampezzo. Il nuovo numero di Food&Wine Italia è pensato per offrire spunti, consigli e calore in questi mesi invernali. Con una sorpresa per voi: in regalo lo speciale vino con le migliori aziende italiane (e bottiglie) dell’anno.

cucina di montagna Sanbrite

Quello del 2020 sarà – come tutto il resto – un Natale diverso ma non vuol dire che non vada celebrato! Anzi, questa volta cucinare, mangiare, brindare, scartare regali con le persone più vicine (ma anche da soli e per noi stessi, niente malinconia!) diventa un momento ancora più importante. Noi, quindi, ci siamo impegnati a raccogliere per voi idee che portino gioia sulle tavole e in casa (anche a distanza, da ordinare con un click), cocktail che “scaldano”, le migliori bollicine consigliate dai top sommelier, le ricette per servire un tacchino arrosto perfetto con tutti i suoi deliziosi contorni in versione classica o originale. 

E poi, largo al nostro carrello dei dolci, per una volta da mangiare senza troppi sensi di colpa: vi raccontiamo della rivincita del pandoro e delle torte delle pasticciere americane Claudia Fleming e Kelly Fields. Ma vi diamo anche la ricetta step-by-step della strepitosa cassata al cioccolato.

Per la nostra cover, scattata da Lenny Pellico, abbiamo scelto un bellissimo (e buonissimo) piatto del SanBrite, il ristorante di Riccardo Gaspari e Ludovica Rubbini a Cortina d’Ampezzo (fresco di prima stella Michelin). Da lì partiamo per raccontare le storie di famiglie, chef e ristoratori che lavorano in alta quota, dalle Alpi all’Appennino, e che con la montagna hanno un legame viscerale condividendo il senso di appartenenza al proprio territorio, il rispetto della stagionalità e un approccio etico e sostenibile. 

Ma c’è spazio anche per la riflessione, come consueto: pubblichiamo con orgoglio il progetto di Martí Guixé che indaga sui cambiamenti delle abitudini alimentari e dei luoghi della ristorazione prodotti dalla pandemia e che fa parte di Casa Mondo – la prima digital exhibition del Museo MAXXI di Roma, curata da Domitilla Dardi.

Infine, le nostre coinvolgenti “Comfort Food Chronicles”, a cura di cinque cuochi e scrittori, ci ricordano – mai come in questo momento – che “cucinare è il linguaggio dell’affetto”.

Last but not least, abbiamo un regalo per voi: lo speciale Vino – Best of Italy, la prima di una serie di uscite da non perdere che accompagneranno il magazine nelle prossime stagioni. Questa è dedicata alle migliori 50 aziende dell’anno che abbiamo scelto, insieme a una squadra di esperti collaboratori e degustatori, non solo per aver portato alta la bandiera del vino italiano in quest’anno difficile ma anche per incarnare alla perfezione alcuni valori fondamentali: innovazione, ospitalità, export, responsabilità sociale e sostenibilità. Scoprirete, inoltre, quali sono le 50 etichette consigliate (e raccontate con il consueto piglio) da Fabio Rizzari. 

Un allegato celebrativo – lo capite anche dalla cover “in ghingheri”, opera di Alberto Blasetti – per dare il giusto riconoscimento all’Italia del vino e per chiudere un anno che anche per noi è stato impegnativo ma comunque ricco di soddisfazioni.

foto di Lenny Pellico

Garofalo